Fatturazione elettronica tra privati

Modificato il Mon, 18 Jul 2016 alle 03:04 PM

Dal 1 gennaio 2017 il Ministero dell’Economia e delle Finanze metterà a disposizione dei soggetti passivi Iva il sistema di interscambio (SDI) gestito dall’Agenzia delle Entrate.

Cosa cambia, dunque, in concreto per aziende, commercianti e liberi professionisti? Entriamo nel dettaglio per comprendere quanti e quali vantaggi sono previsti dal Dlgs. n. 127/15.

1.   Obbligo di fatturazione elettronica per transazioni tra privati
La fatturazione elettronica obbligatoria era stata prevista e messa regime fin dal 31 marzo 2015 tra privati e pubblica amministrazione (settore Business to Government). Per quanto riguarda le transazioni tra privati, invece, tutti i soggetti passivi di Iva avranno la possibilità di scegliere l’invio telematico delle fatture all’Agenzia delle Entrate a partire dal 1 gennaio 2017.

2.   Vantaggi fiscali

Per incentivare la fatturazione elettronica e l’invio telematico delle fatture sono state messe a punto alcune misure molto vantaggiose per i contribuenti, tra cui:

•   diritto al rimborso dell’Iva in 3 mesi;
•   esonero dagli adempimenti fiscali per alcune voci come spesometro e blacklist con controlli dei dati acquisiti da remoto;
•   abolizione ricevuta e scontrino fiscale.

Questo articolo ti è stato utile?

Fantastico!

Grazie per il tuo feedback

Siamo spiacenti di non poterti essere di aiuto

Grazie per il tuo feedback

Facci sapere come possiamo migliorare questo articolo!

Seleziona almeno uno dei motivi
La verifica CAPTCHA è richiesta.

Feedback inviato

Apprezziamo il tuo sforzo e cercheremo di correggere l’articolo